It’s a lonely life… in a brand new place


Visto che l’amico-schiavista Davide Barzi si è pubblicamente lamentato che è da tanto che non aggiorno questo blog (è vero, ma comunque il Barzi ha sempre torto, per definizione), eccomi qui pronto e attivo, massiccio e incazzato, a buttare giù un post veloce e quindi a costruire in quattro e quattr’otto una nuova sede per il mio blog. Ma non il tipo di post che si aspettava lui. Il Barzi, infatti, mi aveva sfidato a proseguire la terribile catena iniziata da Fabrizio Lo Bianco e perpetrata da Daniele Statella e dallo stesso Barzi di pubblicare foto e descrizione del proprio angolo-lavoro. Ma io un minimo di pudore ce l’ho ancora nonostante la figuraccia della Francia agli Europei e non lo faccio. Almeno per ora. Sentendomi però punto nel vivo, rispondo al buon Barzi con un post che gli toglierà il sonno almeno fino a quando non gli consegnerò le due pagine per il catalogo del Festival di Dervio

Il 33enne dublinese Dan Walsh ha infatti iniziato qualche tempo fa un’abitudine ben più curiosa della catena di Sant’Antonio delle foto degli uffici. Ha iniziato a pubblicare sul suo blog le strisce di Garfield, ma senza Garfield! Ha semplicemente cancellato dalle vignette il simpatico gatto mammone di Jim Davis e tutti gli altri personaggi animali, lasciando così il solo Jon Arbuckle a movimentare la serie. Secondo il New York Times il blog ha avuto un successo straordinario, tanto che infatti si è trasferito in un dominio apposito. Di più: a quanto pare lo stesso Jim Davis legge le sue strisce modificate e le trova affascinanti. “Alcune funzionano, ma alcune funzionano anche meglio delle mie”.

Come scrive lo stesso Walsh nel frontespizio del suo blog, “chi avrebbe immaginato che cancellando Garfield dai fumetti di Garfield, il risultato sarebbe stato un fumetto ancora migliore dedicato a schizofrenia, disturbi della personalità e alla vuota disperazione della vita moderna?” Forse il Barzi non l’avrebbe potuto immaginare, ma di certo avrebbe voluto che l’idea nascesse molto prima, perché in qualità di traduttore dei fumetti di Garfield, in questa versione avrebbe avuto molto meno da lavorare…









Annunci
Categorie: Fumetti, Myself | Tag: , , , | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “It’s a lonely life… in a brand new place

  1. Davide Barzi!

    Già mi figuro il terzo film…

    …senza Garfield, ma l’assenza realizzata in animazione 3d.

    Non vedo l’ora di (non) vederlo.

  2. Per carità d’Iddio… Già faceva cagare il primo. Il secondo sono riuscito a scapolarmelo, ma non riuscirei a sopravvivere all’esistenza di un terzo film di Garfield!

  3. Ma… che è successo qui intorno?!?

  4. Ho cambiato provider e ho dato una mano di vernice alle pareti in onore della Nazionale Olandese.
    Wordpress è lo stesso sistema che uso per il blog di CineFile e che usavo su Punto.Zero, e lo trovo molto più efficace di Blogger. E’ vero che in questa piattaforma dà delle limitazioni non da poco, visto che non si possono usare i javascript, ma ha un sistema gestionale molto migliore dell’altro.
    E’ che quando qualcuno mi dice che non sto facendo un cazzo divento iperattivo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: