I due volti di Milano


El milanes sfegataa

Ormai Milan l’è pù di milanes:
on tocchettin l’è riservaa ai cines,
on alter l’è di negher, ma in sostanza
hinn i terroni a vess in maggioranza.

Nûn ghe l’emm no cont lor, che staghe quiett,
ma on poo ghe tegnom anca al nost dialett
e sto Malano, sto guagliò… ma disi!
Semm minga borlaa giò a chilli paìsi!

No, chì me tocca propi parlà ciar
con quel fanigotton de San Gennar
e digh ch’el vegna sù a fà on censiment
de tutta quanta la soa brava gent;
e quej che cressen, che s’je porta via,
che nûn gh’emm no bisogn de compagnia.

El terron navigaa

Sto qua da cinque anni e quattro mesi
fra questi scassacazz’ ‘e milanesi:
mi dànno da mangià, ma per contorno
mi chiamano “terrone” tutto il giorno.

Sto fatto del “terrone” non mi va,
perché si presta ad ogni infamità:
per loro vuole dire sporco, fetente,
e non è giusto, non è vero niente!

San Salvatore mio, fammi far figli
con la velocità di sei conigli,
ché giusto in capo ad una generazione
si cambia tutta la popolazione
e i milanesi nuovi, qua in città,
diranno non “terrone”, ma “papà”.

Luciano Visintin, “El breviari di preghier cattiv” (Libreria Meravigli Editrice, 1979).

Annunci
Categorie: Libri | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: