mad283 writings page

Il calciatore che tutti i tifosi vorrebbero in squadra

Annunci

Sunday League” è un’espressione usata in Gran Bretagna per indicare i campionati di calcio super-dilettantistico le cui partite si disputano la domenica mattina nei parchi pubblici o in quei campetti che si pagano un tanto all’ora per giocarci con gli amici. Il fatto che a questi campionati partecipino per la maggior parte “pub team” – ossia quelle squadre sponsorizzate dai pub e di cui fanno parte gli avventori abituali dei locali – dà un’idea non solo del livello del gioco, ma anche dello stato di forma in cui si trovano molti dei giocatori che scendono in campo.

Esattamente una settimana prima che il Manchester United confezionasse una clamorosa vittoria all’ultimo secondo contro l’Aston Villa, su un campetto di un sobborgo di Manchester si era consumata  un’altra drammatica sfida tra il Manchester e il Villa. Questa volta, però, si trattava dell’International Manchester FC e il Chorlton Villa. I padroni di casa del Chorlton navigavano nella tranquillità della metà classifica, mentre l’International era ultimo nella Premier Division della Manchester Publicity Sunday League con il peggior attacco e la peggior difesa del campionato. L’andata a campi invertiti, sette giorni prima, si era conclusa con uno spettacolare 3-3.

Nel corso di una partita accesa probabilmente oltre il necessario il Chorlton ha finito la gara con tre espulsioni e due ammonizioni, cosa che probabilmente costerà alla società ben 97 sterline di multa, ma a fare notizia è l’occasione di un calcio di rigore in favore dell’International. Proprio mentre il gicatore degli ospiti stava calciando il pallone, infatti, un difensore del Chorlton ha “dato fiato alle trombe”, distraendo l’avversario tanto da sbagliare malamente il tiro dal dischetto. Sfortunatamente per lui, il suono prodotto dai suoi movimenti intestinali è stato talmente forte da essere sentito anche dall’arbitro, che l’ha ammonito per comportamento antisportivo e ha decretato la ripetizione del calcio di rigore. Questa volta non ci sono “venti” che tengano, e l’attaccante ha messo il pallone alla spalle del portiere.

«L’avversario si è fatto parare il rigore perché l’ha tirato male – ha dichiarato a fine partita il manager del Chorlton Villa Ian Treadwell – Il suo errore non ha niente a che vedere con nessuna scoreggia. Non ci potevamo credere, quando l’arbitro l’ha ammonito…»
La vittoria per 6-4 della sua squadra non riesce a rendere felice Treadwell, che non si dà pace per quella multa che arriverà sicuramente: «Noi non siamo una squadra cattiva, ci piace giocare a calcio e giochiamo secondo le regole. E’ stata una partita intensa, e quasi tutti i cartellini che abbiamo preso sono stati per proteste nei confronti dell’arbitro».
Dal canto suo, la portavoce dell’International Manchester FC Pauline Riley non riesce a non commentare l’episodio del calcio di rigore: «Non ce la siamo assolutamente presa, è stata una cosa troppo divertente…»
Ma Treadwell ha tutt’altro che voglia di ridere anche lui: «Questa scoreggia è arrivata proprio nel momento peggiore della stagione. Non abbiamo ancora uno sponsor per il prossimo campionato, e di certo la pubblicità negativa che avremo dopo questa partita non ci aiuterà a trovarlo».
Pare infatti che l’Iguana Bar di Chorlton non sia intenzionato a rinnovare la sponsorizzazione per la prossima stagione. Si sa che la birra ha degli effetti collaterali a breve termine  su stomaco e intestini chi ne beve…

Annunci