Favolosi quegli anni (3)


Per continuare il thread aperto a metà luglio e proseguito con un secondo post a inizio settembre, ecco altri cinque videoclip esemplificativi del peggio degli Anni Ottanta. Rispetto alla cinquina precendente mancano forse i grandi nomi, ma anche questi meritano di essere rivisti per poterseli dimenticare nuovamente.  Per farvi contenti, comunque, anche stavolta ho messo il botto finale.

Continua a leggere

Annunci
Categorie: Amarcord, Musica | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

Voeuna de quej


Me metti lì, la sera, su i bastion
in pee, fina che passa on quaj cojon:
ne passen tanti, se ne fermen pocch,
gh’è forsi nanca de tirà sù i socch.

Eh già, la profession l’è in decadenza
e tutt per colpa de la concorrenza
che ormai ne fann de nott e anca de dì
quej troij de lumagon de travestii.

Chi l’avariss mai ditt che la natura
fasess che i omen cambien serradura?
Chi l’avariss pensaa che Amanda Lear
je scalda anmò pussee che on ferr de stir?
E nûn ‘se gh’emm de fà? Pregà Gesù
che a tutt’i i travestii ghe stoppa el cuu!

Luciano Visintin, “El breviari di preghier cattiv” (Libreria Meravigli Editrice, 1979).

Categorie: Libri | Tag: , , | Lascia un commento

Cool movies I want to see


Categorie: Cinema | Tag: , | Lascia un commento

Borghesucci e pure fighetti


Il termine “bobos” è stato coniato dal canadese David Brooks, giornalista del New York Times che nel 2000 ha dato alle stampe il libro “Bobos in Paradise: The New Upper Class and How They Got There“. I “bobo” del titolo sono in pratica il corrispettivo anni ’90 degli yuppies del decennio precedente, una nuova classe media piuttosto borghese che non ha mai nulla da ridire contro chi comanda, che si professa apertissima nei confronti delle opinioni altrui, e soprattutto che spende e spande per oggetti esotici ma virtualmente inutili e che crede fortemente nella meritocrazia e nell’American Way of Life. Il termine nasce dalla contrazione dei termini “bourgeois” e “bohemian“, e secondo Brooks è perfetto per etichettare quelli che sono in pratica i figli di un ideale matrimonio tra l’idealismo liberale degli anni ’60 e l’edonismo reaganiano degli anni ’80. Continua a leggere

Categorie: Musica, Nel mondo | Tag: , , , | Lascia un commento

The Best Guitar Performance Ever?


L’utente di YouTube ufkexistance non ha dubbi in proposito, ma per quanto meravigliosa sia questa esibizione di Mark Knopfler la storia del rock (e non solo) è piena di chitarristi straordinari. Non esiste un chitarrista migliore del mondo, così come non c’è un assolo migliore di tutti i tempi.

Eddie van Halen, John McLaughlin, Steve Vai, Eric Clapton, Jimi Hendrix, Charlie Christian, Carlos Santana, Les Paul, Bo Diddley, Nokie Edwards, B.B. King, Steve Lukather, Duane Eddy, Stevie Ray Vaughan, Muddy Waters, lo stesso Knopfler… tutti chitarristi eccezionali, che hanno lasciato il segno spesso non solo per le loro canzoni ma anche per le innovazioni anche tecniche che hanno apportato alla musica in generale. E lo so: in questa lista manca sicuramente qualche nome importante. Dodi Battaglia dei Pooh, ad esempio… Continua a leggere

Categorie: Musica | Tag: , , | Lascia un commento

A little boy and his birthday present


Un bambino riceve 10 sterline come regalo di compleanno. Corre subito fuori di casa e si precipita al negozio di articoli sportivi in fondo alla strada per comprare il nuovo pallone che ha tanto desiderato.
Entra nel locale, prende in mano un bellissimo pallone bianco con un stemma colorato che rappresenta due martelli incrociati davanti a quello che pare un castello,e lo porta al proprietario del negozio mostrandogli i suoi soldi.
– Mi spiace, bimbo. Questo pallone costa 20 sterline, e tu ne hai solamente 10…
Il bambino ci rimane molto male ed esce dal negozio quasi in lacrime. Camminando per strada, però, ha un’idea e torna di filato dal negoziante.
– Signore, senta, facciamo un gioco: lei mi benda e mi mette in mano i palloni di tutte le squadre di calcio che ha in negozio. Se riesco a indovinare di quale squadra sono i palloni, mi vende il mio pallone per 10 sterline?
Il negoziante ci pensa su un po’ e decide di accettare, più per gentilezza nei confronti del ragazzino che non per convinzione. Mette un fazzoletto sugli occhi del bambino e poi gli dà un pallone dell’Arsenal.
– Uhm… sento come dei colpi di cannone… è un pallone dell’Arsenal, vero?
Stupito, il negoziante prende un pallone del Millwall e lo mette in mano al bambino.
– Oh, questo è facile… non sente i ruggiti del leone? E’ un pallone del Millwall!
Incredulo, il negoziante si guarda intorno e poi prende un altro pallone.
– Indovina questo, e il tuo pallone te lo regalo.
Il bambino prende il nuovo pallone, ma gli scivola di mano e cade a terra rimbalzando nell’angolo più lontano del negozio.
– Ah, ma quello è un pallone del Tottenham!
– Ma… ma come diavolo hai fatto?
– Beh, è facile: è là in fondo alla classifica, lontanissimo da tutti gli altri!

Categorie: Calcio, Cazzeggiamenti | Tag: , , , , , | 3 commenti

Antipirateria


Chiacchierando con Violetta Bellocchio mentre ero in coda per vedere un film durante l’ultimo Festival di Venezia, mi ha segnalato la divertente sit-com inglese The IT Crowd, che ha debuttato su Channel 4 a febbraio 2006. Ora, francamente non mi ricordo come la discussione sia arrivata a questo argomento – probabilmente si era partiti da “questa cosa è illegale ma la pirateria è un’illegalità diversa” – ma Violetta mi ha segnalato la scena con cui si apre la terza puntata della seconda stagione, “Moss and the German”. I due protagonisti maschili della serie (due nerd che sono costretti a lavorare in uno scantinato perché sono troppo nerd per stare a contatto con i colleghi) si preparano a vedere una copia illegale di un nuovo horror coreano prodotto da Quentin Tarantino ma ricevono la telefonata di un loro amico altrettanto nerd che minaccia di rivelare quale sia l’impensabile finale e sorpresa del film. Vabbé, in ogni caso: i due si mettono belli comodi sul divano a guardare il DVD, che inizia con il classico spot antipirateria. Che si rivela però molto più divertente e molto meno fastidioso dell’originale. Guardare per credere. Continua a leggere

Categorie: Tv | Tag: , , , | 2 commenti

Il meglio di Answers


Confesso: questa rubrica l’ho presa a prestito dal blog del_Prof, che è arrivato alla puntata 20 e rotti.
In pratica, Yahoo! Answers è una bacheca dove gli utenti postano le loro richieste di informazioni o di aiuto, ma anche i loro dubbi più strani che nessuno è ancora riuscito a dissipare. Tutti gli altri utenti, infatti, possono rispondere e cercare di aiutare chi ha posto la domanda iniziale.
Le domande spaziano davvero tutto lo scibile umano; si va da…

Qualcuno sa la ricetta per fare i sofficini in casa?

…a…

Con 10 palline dovete formare 5 segmenti da 4 palline l’uno. Che cosa si forma?

…passando per…

Va bene usare il Lysoform Pavimenti come disinfettante nella lavatrice per il bucato?

Essendoci la possibilità di postare davvero qualunque tipo di domanda, si leggono spesso le peggio cose. Peggio anche di quelle che ho appena riportato. Continua a leggere

Categorie: Cazzeggiamenti | Tag: | Lascia un commento

I due volti di Milano


El milanes sfegataa

Ormai Milan l’è pù di milanes:
on tocchettin l’è riservaa ai cines,
on alter l’è di negher, ma in sostanza
hinn i terroni a vess in maggioranza.

Nûn ghe l’emm no cont lor, che staghe quiett,
ma on poo ghe tegnom anca al nost dialett
e sto Malano, sto guagliò… ma disi!
Semm minga borlaa giò a chilli paìsi!

No, chì me tocca propi parlà ciar
con quel fanigotton de San Gennar
e digh ch’el vegna sù a fà on censiment
de tutta quanta la soa brava gent;
e quej che cressen, che s’je porta via,
che nûn gh’emm no bisogn de compagnia.

El terron navigaa

Sto qua da cinque anni e quattro mesi
fra questi scassacazz’ ‘e milanesi:
mi dànno da mangià, ma per contorno
mi chiamano “terrone” tutto il giorno.

Sto fatto del “terrone” non mi va,
perché si presta ad ogni infamità:
per loro vuole dire sporco, fetente,
e non è giusto, non è vero niente!

San Salvatore mio, fammi far figli
con la velocità di sei conigli,
ché giusto in capo ad una generazione
si cambia tutta la popolazione
e i milanesi nuovi, qua in città,
diranno non “terrone”, ma “papà”.

Luciano Visintin, “El breviari di preghier cattiv” (Libreria Meravigli Editrice, 1979).

Categorie: Libri | Tag: , , | Lascia un commento

Favolosi quegli anni (2)


Anche se a guardarmi non si direbbe, c’è stato un periodo in cui crescevo a pane e Deejay Television. Fortunatamente poi sono cresciuto davvero e ho cancellato dalla mia memoria gran parte delle porcherie cui ho dovuto assistere in quel periodo. Ma con internet, nessuna pagina della nostra vita è mai realmente perduta. Neanche le più imbarazzanti. Ecco allora una breve sequenza di scandalose apparizioni televisive risalenti agli anni Ottanta, che in molti casi accompagnano delle canzoni ancor più scandalose. Attenti, però: a fine post ho inserito anche il videoclip più bello della storia della televisione.

Continua a leggere

Categorie: Amarcord, Musica | Tag: , , , , , , , | 3 commenti

L’interista


I giocatori dell'Inter festeggiano la conquista della Supercoppa 2008

Hinn robb de ciod, hinn robb de casciavid:
gh’hann no vergogna de robà i partid?
Sti goeubb, sti sciabalent, sti stortignaccol…
‘Na squadra? No: putost, cort di miracol! Continua a leggere

Categorie: Calcio, Libri | Tag: , , | 5 commenti

Gunther touched my ta-la-la!


You tease me… oh, please me… I want you to be my love toy… come near me, don’t fear me: I just can’t enough of you, boy…

E parliamo del velato simbolismo dell’ultima sequenza, se volete… Però quello che davvero mi chiedo è…

Continua a leggere

Categorie: Musica | Tag: , | 2 commenti

American Gods


American Gods“Venendo in America la gente ci ha portato con sé. Hanno portato me, Loki e Thor, Anansi e il Dio-Leone, leprecauni, coboldi e banshee, Kubera e Frau Holle e Astaroth, e hanno portato voi. Siamo arrivati fin qui viaggiando nelle loro menti, e abbiamo messo radici. Abbiamo viaggiato con i coloni, attraversato gli oceani, verso nuove terre.
“Questa terra è sconfinata. Ben presto la nostra gente ci ha abbandonato, ricordandosi di noi soltanto come creature del paese d’origine, creature che credevano di non aver portato nel nuovo mondo. I nostri fedeli sono morti, o hanno smesso di credere in noi, e siamo stati lasciati soli, smarriti, spaventati e spodestati, a cavarcela con quel poco di fede o venerazione che riuscivamo a trovare. E a sopravvivere come meglio potevamo.
“E così abbiamo fatto, siamo sopravvissuti tenendoci ai margini, senza dare nell’occhio.”Ammettiamolo, esercitiamo una ben scarsa influenza. Li deprediamo, li derubiamo, e sopravviviamo; ci spogliamo, ci prostituiamo e beviamo troppo; lavoriamo alle pompe di benzina e rubiamo e truffiamo e viviamo nelle crepe ai margini della società. Vecchi dèi, in questa nuova terra senza dèi.”
“Adesso, come avete avuto modo di scoprire da soli, in America stanno nascendo nuovi dèi che crescono sopra nodi di fede: gli dèi delle carte di credito e delle autostrade, di Internet e del telefono, della radio e dell’ospedale e della televisione, dèi fatti di plastica, di suonerie e di neon. Dèi pieni di orgoglio, creature grasse e sciocche, tronfie perché si sentono nuove e importanti.
“Sono consapevoli della nostra esistenza, ci temono e ci odiano” continuò Odino. “Vi ingannate, se credete che non sia così. Ci distruggeranno, se glielo permetteremo. È tempo per noi di unire le forze. È tempo di agire.”

Neil Gaiman, “American Gods” (Mondadori, 2003).

Categorie: Libri | Tag: , | 7 commenti

Favolosi quegli anni…


Categorie: Amarcord, Musica | Tag: , | 3 commenti

Due ragazze, un bicchiere


2 girl 1 cup” è il nomignolo con cui è conosciuto dal popolo di internet il trailer del film pornografico “Hungry Bitches” prodotto dalla brasiliana MFX Media.
Diretto dal regista di San Paolo Marco Fiorito Villanova, “2 girl 1 cup” non è il tipico porno che potete trovare nascosto in fondo al cassetto dello studio di vostro padre. E’ una pellicola sulla coprofagia, ed è una pellicola talmente disgustosa che la persona responsabile della sua distribuzione nei sexy-shop statunitensi è stata condannata a tre anni di galera e al pagamento di una multa di quasi 100.000 dollari. A quanto pare, nel trailer che è girato e ancora oggi gira su internet, si vedono le due ragazze del titolo  riempire un bicchiere con qualcosa che non è esattamente cioccolato svizzero e poi mangiarne il contenuto. Continua a leggere

Categorie: Cinema | Tag: | 2 commenti

La cosa più digustosa mai vista in Tv


Categorie: Tv | Tag: , , | Lascia un commento

Il raduno di Hattrick Milano di ieri


Categorie: Hattrick | Tag: | 6 commenti

Angolo cottura


Sapevo che alla fine l’avrei fatto. L’ho sempre saputo. Anche quando ho rifiutato la prima volta, sapevo che in un futuro non troppo lontano ci sarei cascato. Quando Davide Barzi mi ha inserito nella catena di Sant’Antonio dei post che illustrano l’ufficio in cui si lavora, mi sono messo subito a pensare a come rendere il mio angolo di lavoro più fotogenico, anche se all’inizio ho svicolato la gentile richiesta. Alla fine mi sono arreso all’evidenza: mi tocca. Però a voi toccano delle foto orrende… Ma comunque, essendo io ancora nel fiore degli anni, vivo in casa coi miei genitori e per diversi motivi non ho più che un angolino nella mia camera da letto, per lavorare. Tanto il lavoro vero lo faccio con la testa, e lì dentro di spazio ce n’è a volontà… Continua a leggere

Categorie: Myself | Lascia un commento

¡¡¡Viva España!!!


Iker Casillas para il rigore di De Rossi e lancia i suoi verso la semifinale europea
Cesc Fabregas esulta dopo il rigore vincente
La festa spagnola dopo il rigore vincente di Fabregas

Categorie: Calcio | Tag: | Lascia un commento

Mamma, guarda: sono un Supereroe!


Benvenuto al gioco dei Super Eroi!
In questo gioco tu rappresenti un Super Eroe, impaziente di usare i suoi inimmaginabili superpoteri per il bene dell’umanità!

Beh… questo è nei tuoi sogni, ma non tutto è così semplice. Tanto per cominciare, dovresti iniziare a siluppare i tuoi superpoteri, altrimenti davvero non potrai essere super come vorresti; Questo può essere un percorso lungo, ma certamente gratificante. Puoi farlo da solo, alla tua speciale scuola di supereroi, oppure puoi rubare i segreti degli altri eroi in giro per il mondo…

Continua a leggere

Categorie: Fumetti, Giochi | Tag: , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.